Rapporto Sullo Stato Di Rischio Del Territorio Italiano 2017-Books Download

RAPPORTO SULLO STATO DI RISCHIO DEL TERRITORIO ITALIANO 2017

2019 | 419 views | 0 downloads | 14 Pages | 1.20 MB

I comuni a rischio alto sono 442, interessano quasi 18.000 kmq 5,9% della superficie nazionale e sono abitati da 8,2 milioni di abitanti, il 13,7% della popolazione italiana. I comuni a rischio medio-alto sono 1690, interessano quasi 77.000 kmq ( il 25% del territorio nazionale) e sono abitati da 11,6 milioni di persone.




LA FRAGILIT DEL TERRITORIO ITALIANO RISPETTO, AL RISCHIO NATURALE. 8 2 MILIONI DI PERSONE A RISCHIO ALTO, 11 6 MILIONI A RISCHIO MEDIO ALTO. Se per ciascun comune grazie al lavoro delle Autorit di Bacino dell ISPRA e della Protezione Civile si. conosce l esposizione al rischio naturale legato al dissesto idrogeologico o alla sismicit ci che non mai. stato analizzato come la combinazione del rischio ricada sui territori In molti comuni italiani sono presenti. contestualmente il rischio simico il rischio di frana il rischio di alluvione un elevata impermeabilizzazione dei. suoli ovvero elementi che se combinati amplificano esponenzialmente le conseguenze per la popolazione . stato sviluppato dunque un primo tentativo per individuare in quali comuni d Italia si concentrano i pericoli. di origine naturale valutando il rischio in funzione della popolazione esposta In particolare sono stati. considerati e valutati il peso della superficie comunale esposta al rischio idrogeologico la quota di suolo. impermeabilizzato la classificazione sismica comunale il numero di eventi di dissesto che si sono verificati. 1, nell ultimo secolo nei comuni la popolazione esposta al pericolo sismico di frana e di alluvione . comuni italiani in base all indice di pericolosit naturale 2017. 100000 0 2500 0, 1966 0, 80000 0 1728 0 2000 0, 1690 0. 60000 0 1500 0, 1122 0 1099 0, 40000 0 1000 0, 442 0.
20000 0 500 0, 0 0, Minimo Basso Medio basso Medio Medio alto Alto. superficie kmq popolazione 000 numero,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. 1, A questo scopo sono stati analizzati i dati pubblicati di recente dai dipartimenti di ministeriali di competenza Per quanto riguarda il. rischio idrogeologico si partiti dal quadro nazionale elaborato a fine 2015 da ISPRA e presentato nel rapporto 233 2015 Dissesto. idrogeologico in Italia pericolosit e indicatori di rischio Esso presenta una mosaicatura delle aree a pericolosit da frana dei Piani di. Assetto Idrogeologico PAI e delle aree a pericolosit idraulica ai sensi del D Lgs 49 2010 recepimento della Direttiva Alluvioni. 2007 60 CE perimetrate dalle Autorit di Bacino Regioni e Province Autonome sul proprio territorio di competenza Per quanto. riguarda il rischio sismico stata utilizzata la classificazione sismica dei comuni italiani fatta dalla Protezione Civile nel 2015 fatta in. base all intensit e frequenza dei terremoti del passato che attribuisce ad ogni comune una classe di rischio Per quanto riguarda. l impermeabilizzazione del suolo sono stati considerati i rapporti su Il consumo di suolo in Italia pubblicati da ISPRA nel 2015 e nel. 2016 che misurano la quota comunale di superficie impermeabilizzata Per gli eventi di dissesto sono stati analizzati i dati storici del. progetto AVI del Consiglio Nazionale delle Ricerche integrati con i dati raccolti dall Osservatorio CRESME Non stato utile per questo. lavoro lo studio realizzato da Casa Italia Rapporto sulla Promozione della sicurezza dai Rischi naturali del Patrimonio abitativo 2017. 2, In Italia il 27 dei comuni ha un rischio naturale alto o medio alto pari a 2 132 comuni i quali hanno una. superficie territoriale complessiva di quasi 95 000 kmq pari al 31 del totale del territorio nazionale e una. popolazione 19 8 milioni di abitanti pari al 34 , I comuni a rischio alto sono 442 interessano quasi 18 000 kmq 5 9 della superficie nazionale e sono.
abitati da 8 2 milioni di abitanti il 13 7 della popolazione italiana I comuni a rischio medio alto sono 1690 . interessano quasi 77 000 kmq il 25 del territorio nazionale e sono abitati da 11 6 milioni di persone . Superficie territoriale a rischio naturale elevato kmq . Numero, Livello di SUPERFICIE POPOLAZIONE, comuni. rischio, numero kmq Popolazione ,Minimo 1 966 24 4 70 222 23 2 6 680 174 11 2. Basso 1 728 21 5 50 502 16 7 10 936 705 18 4, Medio basso 1 122 13 9 33 317 11 0 11 258 415 18 9. Medio 1 099 13 7 53 159 17 6 10 754 621 18 1,Medio alto 1 690 21 0 76 971 25 5 11 642 604 19 6. Alto 442 5 5 17 899 5 9 8 161 225 13 7,TOTALE 8 047 100 0 302 070 100 0 59 433 744 100 0.
Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Per dare un idea dell esposizione al pericolo del territorio nazionale si consideri che . secondo i dati ISPRA in Italia le aree ad elevato pericolo di frana P3 P4 sono pari a 23 928 kmq e. interessano 1 2 milioni di persone , le aree ad elevato pericolo di alluvione P3 occupano 12 305 kmq e interessano 1 9 milioni di. persone , Secondo ISPRA il suolo impermeabilizzato in Italia ammonta a circa 21 000 kmq . Secondo i dati della Protezione Civile i comuni ad elevato rischio sismico riguardano una superficie. territoriale di 133 411 kmq e una popolazione di oltre 21 milioni di persone . Ripartizione dei comuni italiani in base all indice di pericolosit naturale 2017. numero superificie Popolazione, Alto Alto Alto Minim. 6 6 14 o, Minim Minimo 11 , Medio, o 23 , alto Medio.
24 , 21 alto Basso, 25 Medio 18 , alto, 20 , Medio Basso. 14 Basso 17 , Medio 21 Medio, Medio Medio basso, basso 18 Medio. basso 19 , 14 18 , 11 ,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. 3, In questo lavoro i comuni italiani sono stati suddivisi in base ad un indice di rischio naturale suddiviso in sei. classi determinate sulla base della valutazione combinata delle due tipologie di rischio naturale sismico e. idrogeologico insieme all impermeabilizzazione del suolo misurate sia in termini relativi ossia rispetto alla. quota di superficie e di popolazione comunale esposta ai rischi sia in termini assoluti ossia rispetto al. numero di persone esposte , Osservando i risultati i comuni pi esposti al rischio si trovano lungo la dorsale appenninica della penisola .
in Sicilia e nelle prealpi venete Questi comuni sono interessati sia da una elevata sismicit tutti i comuni. rientrano nella zona sismica 1 o 2 sia da problemi di dissesto idrogeologico ampie aree comunali a rischio. elevato di frana o di alluvione nelle quali insistono attivit economiche o abitazioni Tale condizione espone. ad un rischio un elevato numero di persone , Tra i comuni con rischio pi elevato emergono alcune citt quali Napoli Palermo Catania Messina Brescia . Reggio Calabria Perugia Foggia Rimini Salerno solo per citare le principali Queste citt sono tutte in zona. sismica 1 o 2 in media la superficie ad elevato rischio di frana rappresenta il 5 4 della superficie comunale. e quella ad elevato rischio di alluvione pari all 8 5 . Indice di pericolosit naturale dei comuni italiani nel 2017. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, 4, Risultati. I comuni considerati ad alto rischio naturale sono caratterizzati da un elevata incidenza dei tre fattori di. rischio naturale frana alluvione e sisma ovvero un elevata quota di superficie territoriale e di popolazione . esposta al rischio , Superficie territoriale a rischio naturale elevato kmq . Numero, Livello di TOTALE Frana Alluvione Sismico. comuni, rischio, numero kmq kmq kmq kmq , Minimo 1 966 24 4 70 222 23 2 961 4 0 718 5 8 0 0 0.
Basso 1 728 21 5 50 502 16 7 2 935 12 3 2 218 18 0 0 0 0. Medio basso 1 122 13 9 33 317 11 0 4 918 20 6 3 408 27 7 0 0 0. Medio 1 099 13 7 53 159 17 6 5 360 22 4 2 740 22 3 38 541 28 9. Medio alto 1 690 21 0 76 971 25 5 5 190 21 7 2 052 16 7 76 971 57 7. Alto 442 5 5 17 899 5 9 4 564 19 1 1 169 9 5 17 899 13 4. TOTALE 8 047 100 0 302 070 100 0 23 928 100 0 12 305 100 0 133 411 100 0. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Come i comuni a rischio alto i comuni classificati a rischio medio alto sono caratterizzati dalla compresenza. dei tre elementi di rischio naturale Per tutti la sismicit elevata complessivamente qui vivono oltre 11 6. milioni di persone di cui 297 940 nelle aree a rischio frana elevato pari a 5 200 kmq e 174 361 persone. nelle aree a pericolosit di alluvione elevata pari a 2 052 kmq . Anche nei comuni a rischio medio esistono contemporaneamente i tre elementi di rischio naturale ben. 38 540 kmq sono in zona sismica 1 o 2 dove risiedono oltre 2 milioni di persone nelle aree ad elevato. rischio di frana pari a 5 360 kmq risiedono 234mila persone mentre nelle aree ad elevato rischio di. alluvione pari a 2 740 kmq risiedono 740mila persone . I comuni classificati a rischio medio basso sono 1 122 tra i quali non vi sono comuni ad elevato rischio. sismico ma che hanno aree ad elevato rischio di frana pari a 4 918 kmq e aree ad elevato rischio si. alluvione pari a 3 408 kmq In particolare nelle prime risiedono 205mila persone e nelle seconde oltre. 415mila , Popolazione residente nelle aree a rischio naturale elevato. Numero, Livello di TOTALE Frana Alluvione Sismico. comuni, rischio, numero Popolazione Popolazione Popolazione Popolazione . Minimo 1 966 24 4 6 680 174 11 2 33 634 2 7 51 045 2 6 0 0 0. Basso 1 728 21 5 10 936 705 18 4 101 009 8 3 225 309 11 6 0 0 0. Medio basso 1 122 13 9 11 258 415 18 9 205 154 16 8 415 466 21 5 0 0 0. Medio 1 099 13 7 10 754 621 18 1 234 048 19 1 739 715 38 2 2 093 807 9 6. Medio alto 1 690 21 0 11 642 604 19 6 297 940 24 3 174 361 9 0 11 641 717 53 2. Alto 442 5 5 8 161 225 13 7 352 216 28 8 329 837 17 0 8 161 225 37 3. TOTALE 8 047 100 0 59 433 744 100 0 1 224 001 100 0 1 935 732 100 0 21 896 749 100 0. Fonte elaborazione CRESME su fonti varie, Altri 1728 comuni sono classificati a rischio basso e su una superficie complessiva di 50 502 kmq ben 2 935.
sono a rischio di frana elevato e 2 218 a rischio di alluvione La loro popolazione sfiora gli 11 milioni di. 5, abitanti di cui 101 mila residenti nelle aree a rischio di frana elevato e oltre 225 mila nelle aree a rischio di. alluvione elevato , Il rischio minimo per 1 966 comuni nei quali non vi rischio sismico e solo una quota limitata di. popolazione e superficie esposta al rischio idrogeologico Complessivamente in questi comuni a rischio. frana elevato si trovano 33 600 persone per 960 kmq e nelle aree di pericolosit di alluvione elevata pari a. 718 kmq si trovano 51 000 persone ,Risultati nelle regioni. Nei comuni classificati a rischio naturale alto o medio alto risiedono oltre 20 milioni di persone delle quali 5 3. milioni in Campania e ben 4 milioni in Sicilia In queste regioni il pericolo da frana interessa rispettivamente. 189 000 e 12 500 persone il pericolo di alluvione riguarda 60 000 persone in Campania e 20 800 in Sicilia . Nel Lazio e in Calabria la popolazione residente nei comuni classificati a rischio alto o medio alto ammonta a. circa 1 7 milioni di persone In particolare in Calabria 12 500 persone sono in aree a pericolo di frana elevata. e 20 800 persone nelle aree a pericolo di alluvione nel Lazio 13 500 persone sono in aree a pericolo di frana. e 11 200 a pericolo di alluvione Tra le situazioni pi problematiche da segnalare l Emilia Romagna per. l esposizione al rischio di alluvione con 171 500 persone esposte a questo problema e altre 35 300 persone. che vivono nelle aree di pericolo di frana , Popolazione residente nei comuni classificati a rischio alto o medio alto. Campania, Sicilia, Lazio, Calabria, Marche, Emilia Romagna.
Puglia, Umbria, Abruzzo, Toscana, Friuli Venezia Giulia. Lombardia, Veneto, Basilicata, Molise, Sardegna, Liguria. Trentino Alto Adige, Valle d Aosta, Piemonte, 0 1000000 0 2000000 0 3000000 0 4000000 0 5000000 0 6000000 0. alto medio alto,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. Le regioni che non hanno comuni classificati come a rischio alto o medio alto sono Liguria Trentino Alto. Adige Valle d Aosta e Piemonte nelle quali comunque sono presenti aree a pericolo di frana e di alluvione. ma nelle quali la popolazione esposta meno rispetto alle altre regioni . 6, I componenti dell indicatore di rischio naturale.
La classificazione comunale il prodotto della combinazione delle quattro componenti dell esposizione al. rischio ovvero la quota di superficie esposta a rischio frana alluvione e sismico numero di eventi con danni. diretti alle persone popolazione esposta al rischio naturale sia in termini assoluti che rispetto ai residenti in. ciascun comune , Quota di superficie, La quota di superficie comunale esposta a pericolo frana elevato P3 P4 a pericolo di alluvione elevato. P3 e rischio sismico elevato classe 1 o 2 e elevata impermeabilizzazione dei suoli una parte. fondamentale dell indicatore di rischio comunale La componente di territorio esposto al rischio naturale fa. emergere un rischio alto per molti comuni dell area napoletana dell appennino lucano delle prealpi apuane. e della zona bolognese Questi comuni sono fortemente caratterizzati dal rischio frana e dall elevata. sismicit I comuni caratterizzati da rischio medio alto distribuiti lungo tutta la dorsale appenninica ma anche. in Friuli e Valle d Aosta sono caratterizzati principalmente dall elevata sismicit Per i comuni a rischio medio. le tre componenti di rischio si distribuiscono uniformemente mentre per i comuni a rischio pi basso non si. ha l elevata sismicit , Numero di eventi di dissesto. Il numero di eventi di dissesto idrogeologico che hanno coinvolto i comuni italiani nell ultimo secolo ha una. valenza secondaria per la composizione dell indicatore comunale Questa componente non ha una. concentrazione territoriale particolare e si distribuisce uniformemente nelle sei classi rispetto alla. componente di frana e di alluvione , Quota di popolazione. La quota di popolazione comunale esposta a pericolo frana elevato P3 P4 a pericolo di alluvione elevato. P3 e rischio sismico elevato classe 1 o 2 una parte fondamentale dell indicatore di rischio comunale . Tale componente segue ma non ricalca la componente di superficie comunale esposta I comuni classificati. a rischio alto e medio alto sono caratterizzati dall elevata sismicit ma anche da una quota elevata di. persone esposte a rischio di frana Nei comuni a rischio medio prevale la componente esposizione al rischio. di alluvione della popolazione pur avendo le altre due componenti . Numero di persone, Il numero di persone esposta a pericolo frana elevato P3 P4 a pericolo di alluvione elevato P3 e rischio. sismico elevato classe 1 o 2 una parte importante ma non principale dell indicatore di rischio comunale . Per questa componente prevale l elevata sismicit dei grandi comuni . 7, I componenti dell indicatore di rischio naturale.
Alto, Medio alto,QUOTA DI SUPERFICIE, Medio, Medio basso. Basso, Minimo, 00 10 00 20 00 30 00 40 00 50 00 60 00. sisma alluvione frana, Alto, Medio alto,NUMERO DI EVENTI. Medio, Medio basso, Basso, Minimo, 0 1000 0 2000 0 3000 0 4000 0. alluvione frana,LIVELLO DI RISCHIO,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie.
8, I componenti dell indicatore di rischio naturale. Alto, Medio alto, Medio,QUOTA DI POPOLAZIONE, Medio basso. Basso, Minimo, 00 10 00 20 00 30 00 40 00 50 00 60 00. sisma alluvione frana, Alto, Medio alto, Medio,NUMERO DI PERSONE. Medio basso, Basso, Minimo, 0 5000000 0 10000000 0 15000000 0.
sisma alluvione frana,LIVELLO DI RISCHIO,Fonte elaborazione CRESME su fonti varie. 9, DISSESTO IDROGEOLOGICO, UN CONTO SEMPRE PIU PESANTE. I drammatici eventi di Livorno delle scorse settimane sono il picco di una situazione ormai cronica del nostro. paese che pone al centro della riflessione il tema della manutenzione del territorio Il CRESME ha realizzato. un analisi originale per quanto riguarda il periodo di tempo 2009 2016 Complessivamente in 8 anni sono. stati rilevati 5 824 eventi di dissesto dei quali 853 hanno coinvolto direttamente la popolazione provocando. 242 vittime Negli otto anni le regioni in cui si sono registrati pi di 500 eventi sono la Liguria con 745 eventi . il Piemonte con 609 eventi la Toscana con 583 eventi e la Sicilia con 521 Le regioni nelle quali sono stati. rilevati meno di 100 eventi sono 5 ovvero la Puglia con 97 eventi l Umbria con 70 eventi la Basilicata. con 61 eventi La Valle d Aosta con 45 eventi e il Molise con 34 eventi . La Liguria emerge anche se si considera il numero di eventi in funzione della dimensione della regione con. 137 eventi per 1 000 kmq nelle altre regioni questo dato ben al disotto e al massimo si attesta a 26 eventi. per 1 000 kmq in Campania 25 eventi per 1 000 kmq nelle Marche e 23 eventi per 1 000 kmq in Abruzzo . Il biennio 2014 2015 stato il peggiore per numero di eventi complessivo rispettivamente 1 558 eventi il. primo anno e 1 466 il secondo sia per gli eventi pi gravi ben 213 nel 2014 e 161 nel 2015 non per il. numero di vittime rispettivamente 34 nel 2014 e 23 nel 2015 a fronte di 51 vittime causate nel 2009 . Numero di eventi di dissesto rilevati tra il 2009 e il 2016 totale eventi rispetto a numero di vittime. 1800 0 60 0, 1600 0, 50 0, 1400 0 numero di vittime. numero di eventi, 1200 0 40 0, 1000 0, 30 0, 800 0. 600 0 20 0, 400 0, 10 0, 200 0, 0 0, 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016.
Totale eventi Eventi con danni Numero vittime,Fonte CRESME. Nel 2016 sono stati rilevati 715 eventi coinvolgendo 515 comuni Oltre 78 di questi eventi hanno provocato. danni diretti alle popolazione vittime feriti sfollati e hanno provocato 13 vittime . Eventi di dissesto rilevati nei comuni nel 2016, 10. Numero di Eventi con, Numero di Percentuale, Numero di Eventi per eventi con persone Numero. comuni di comuni, eventi ettaro persone coinvolte morti. coinvolti coinvolti, coinvolte per ettaro, Liguria 92 1 7 14 0 26 65 27 7 2.
Toscana 83 0 36 7 0 03 63 22 5 0, Lombardia 75 0 31 12 0 05 61 4 0. Calabria 57 0 37 5 0 03 38 9 3 3, Veneto 49 0 27 4 0 02 37 6 4 1. Sicilia 48 0 19 7 0 03 1 0 3 2, Campania 47 0 34 2 0 01 39 7 1 0. Piemonte 46 0 18 12 0 05 41 3 4 2, Emilia Romagna 41 0 18 2 0 01 34 10 0. Marche 31 0 33 6 0 06 27 11 4 1, Trentino Alto Adige 29 0 21 2 0 01 27 8 1 1.
Puglia 29 0 15 1 0 01 19 7 4 1, Friuli Venezia Giulia 21 0 27 0 0 14 6 5 0. Umbria 17 0 2 0 0 14 15 2 0, Abruzzo 16 0 15 1 0 01 15 4 9 0. Sardegna 15 0 06 1 0 1 0 3 0, Lazio 9 0 05 0 0 9 2 4 0. Valle d Aosta 5 0 15 0 0 5 6 8 0, Basilicata 3 0 03 1 0 01 3 2 3 0. Molise 2 0 04 1 0 02 2 1 5 0, TOTALE 715 0 24 78 0 03 515 6 4 13.
Fonte CRESME, I dati confermano un tendenziale peggioramento della situazione e soprattutto un drammatica cronicit degli. eventi La necessit di una attenta politica di manutenzione del territorio una questione centrale per lo. sviluppo del paese il territorio in se stesso la principale infrastruttura del paese . Il tema della sicurezza dell abitare uno dei tempi centrali sui quali concentrare l azione Gli sforzi sino ad. oggi svolti individuano l importanza del tema ma la risposta tecnico operativa sul campo resta. particolarmente debole , 11, Numero complessivo di eventi di dissesto rilevati nelle regioni tra il 2009 e il 2016. Totale 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016,Liguria 745 108 68 83 37 53 248 56 92. Piemonte 609 148 6 134 10 12 191 62 46,Toscana 583 33 47 14 41 96 187 82 83. Sicilia 521 44 46 16 48 12 35 272 48,Lombardia 487 134 14 6 28 22 159 49 75.
Emilia Romagna 454 5 6 8 9 94 125 166 41,Campania 360 9 24 5 17 16 85 157 47. Veneto 305 7 28 6 11 9 143 52 49,Calabria 296 7 39 18 23 6 26 120 57. Abruzzo 251 0 1 51 5 17 21 140 16,Marche 245 0 5 8 4 27 74 96 31. Trentino Alto Adige 193 0 2 18 43 2 48 51 29,Lazio 166 1 1 8 23 5 69 50 9. Friuli Venezia Giulia 156 2 6 21 8 0 76 22 21,Sardegna 146 0 6 20 3 71 4 27 15.
Puglia 97 8 11 1 9 6 27 6 29,Umbria 70 0 0 3 11 8 21 10 17. Basilicata 61 9 13 9 2 7 9 9 3,Valle d Aosta 45 3 0 6 5 6 8 12 5. Molise 34 1 0 0 0 2 2 27 2, Totale 5 824 519 323 435 337 471 1 558 1 466 715. Fonte CRESME aggiornamento gennaio 2017 , Numero complessivo di eventi di dissesto con danni a persone rilevati nelle regioni tra il 2009 e il 2016. Totale 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016,Liguria 123 8 11 16 14 18 40 2 14.
Toscana 111 8 14 6 14 25 31 6 7,Piemonte 97 15 1 22 2 1 41 3 12. Lombardia 67 10 2 1 4 8 23 7 12,Emilia Romagna 65 2 2 2 0 19 14 24 2. Sicilia 64 8 6 4 6 5 5 23 7,Calabria 45 1 13 4 4 3 1 14 5. Abruzzo 44 0 0 10 0 4 1 28 1,Campania 37 1 3 2 2 4 6 17 2. Veneto 35 3 3 2 2 5 12 4 4,Marche 32 0 0 3 0 11 5 7 6.
Lazio 32 1 1 5 6 2 9 8 0,Trentino Alto Adige 23 0 1 3 8 0 7 2 2. Sardegna 22 0 0 1 0 10 1 9 1,Puglia 15 2 2 1 0 3 6 0 1. Basilicata 11 2 0 1 1 3 2 1 1,Umbria 9 0 0 0 2 4 2 1 0. Valle d Aosta 8 2 0 2 0 1 2 1 0,Friuli Venezia Giulia 8 0 1 1 0 0 4 2 0. Molise 5 0 0 0 0 1 1 2 1, Totale 853 63 60 86 65 127 213 161 78.
Fonte CRESME aggiornamento gennaio 2017 , 12, Numero di eventi di dissesto rilevati nelle regioni tra il 2009 e il 2016 totale per 1 000 kmq. 800 0 160 00, 700 0 140 00, 600 0 120 00, 500 0 100 00. 400 0 80 00, 300 0 60 00, 200 0 40 00, 100 0 20 00. 0 00, Piemonte, Toscana, Abruzzo, Molise, Friuli Venezia Giulia. Umbria, Campania, Valle d Aosta, Sicilia, Lombardia.
Trentino Alto Adige, Veneto, Liguria, Emilia Romagna. Marche, Puglia, Sardegna, Lazio, Basilicata, Calabria. eventi 2009 2016 eventi 1000kmq,Fonte CRESME aggiornamento gennaio 2017 . Numero complessivo di vittime di eventi di dissesto rilevati nelle regioni tra il 2009 e il 2016. Totale 2009 2010 2011 2012 2013 2014 2015 2016,Sicilia 53 37 2 4 2 2 3 1 2. Veneto 24 6 2 4 1 1 6 3 1,Liguria 24 0 1 17 0 0 4 0 2.
Toscana 22 0 6 3 7 2 2 2 0,Sardegna 18 0 0 0 0 18 0 0 0. Trentino Alto Adige 16 0 9 0 4 0 1 1 1,Calabria 11 2 1 2 1 1 0 1 3. Lombardia 10 2 0 0 0 1 7 0 0,Marche 9 0 0 3 0 1 3 1 1. Campania 9 1 2 1 1 0 0 4 0,Puglia 9 2 0 0 0 4 2 0 1. Piemonte 8 0 0 3 0 0 2 1 2,Emilia Romagna 8 0 0 2 0 0 2 4 0.
Lazio 8 0 2 3 1 0 0 2 0,Abruzzo 6 0 0 2 0 1 0 3 0,Valle d Aosta 3 1 0 1 0 0 1 0 0. Basilicata 3 0 0 2 0 1 0 0 0,Friuli Venezia Giulia 1 0 0 0 0 0 1 0 0. Umbria 0 0 0 0 0 0 0 0 0,Molise 0 0 0 0 0 0 0 0 0, Totale 242 51 25 47 17 32 34 23 13. Fonte CRESME aggiornamento gennaio 2017 , 13, Numero di eventi di dissesto rilevati nelle regioni tra il 2009 e il 2016 quota di eventi con vittime rispetto al. totale e numero di vittime, 25 60, 50, 20 , 15 , 19 .
19 , 40, 18 , 18 , 18 , 15 , 17 , 11 , 16 , 15 , 15 . 15 , 14 , 30, 14 , 13 , 13 , 12 , 12 , 10 , 10 , 05 20. 5 , 10, 0 0, Abruzzo, Piemonte, Toscana, Molise, Friuli Venezia Giulia. Umbria, Campania, Valle d Aosta, Calabria, Sicilia.


Related Books

A Text Atlas of Nail Disorders - rusmedserv.com

A Text Atlas of Nail Disorders rusmedserv com

A Text Atlas of Nail Disorders Techniques in Investigation and Diagnosis Third edition Robert Baran, MD Nail Disease Centre Cannes, France Rodney PR Dawber, MA, MB ChB, FRCP Consultant Dermatologist Churchill Hospital, Oxford, UK Eckart Haneke, MD Klinikk Bunaes Sandvika/Oslo, Norway Antonella Tosti, MD Associate Professor of Dermatology,

Gabriella Fabbrocini

Gabriella Fabbrocini

Trattati Update in Cosmetic Dermatology 11/2012 11/2012 Trattati Color Atlas of Chemical Peels Second Edition Tosti, Grimes, De Padova Editors Springer 01/2012 01/2012 Trattati Dermatologia Allergologica Pediatrica di M. Gola 2012 Trattati Complication of Needling Fabbrocini G. . In: Tosti A, Beer K, de Padova MP eds.

Orientalism and Religion: Postcolonial theory, India and ...

Orientalism and Religion Postcolonial theory India and

recommending that religion be understood as an aspect of culture and, moreover, that the academic study of religion be redescribed along the lines of cultural studies, King joins a growing number of intellectuals who have stepped forward to accept the challenge of modernist roots. Accordingly, Orientalism and Religion promises to help

Advanced Drafting and Customization - Free

Advanced Drafting and Customization Free

Advanced Drafting and Customization CATIA V5 Training ... EDU_CAT_EN_DRA_AX_V5R19. Student Notes: Advanced Drafting and Customization

Religion, Health, and Healing in the Traditional Shona ...

Religion Health and Healing in the Traditional Shona

Religion, Health, and Healing in the Traditional Shona Culture of Zimbabwe Mazvita Machinga Claremont School of Theology This paper describes the traditional Shona health and healing practices of the Zimbabwean people by exploring the philosophical, clinical, and theo-logical issues surrounding the healing practice. It is through understanding

African Diasporic Religion FINALIZED (JAN 2014)

African Diasporic Religion FINALIZED JAN 2014

Religion is a key element in the social lives of practitioners of African-derived religion. It pervades every aspect of their daily lives even in ways that are not easily perceptible. In the study of African Diaspora, religion has played a key role because it was the most visible evidence of a social practice that demonstrated a connection to ...

Genograms and African American Families: Employing Family ...

Genograms and African American Families Employing Family

African roots and American roots. Therefore, within the African American family, cultural and historical contexts often serve as a close connection to the past, to the course of social change within the family system, and to the ecological systems in our society. Billingsley (1992) incorporated the African concept in his definition of the

C5255 / C5250 / C5240 / C5235

C5255 C5250 C5240 C5235

C5255 / C5250 / C5240 / C5235 Advanced Scanning Advanced Cloud Computing Advanced Adobe Integrations Advanced Integration To Enterprise Systems

Introduction to Software Defined Networking (SDN)

Introduction to Software Defined Networking SDN

But HTTP is often used as transport to navigate firewalls All messages are XML encoded Not efficient for binary file transfers Out-of-band binary channels are often used with XMPP. A number of open-source implementations are available Variations of it are widely used in most instant messaging

How Aperture Works

How Aperture Works

the very top of the screen, just below the OS X menu bar, and handles image imports, creating books, galleries, slideshows and so on, emailing your FIG. 2.1 The Aperture interface follows the design of Apple's Pro apps, with a dark background, smaller font, and distinctive panels inside a uni?ed